Cresime e Prime Comunioni tutte rimandate al prossimo anno pastorale

Lo ha disposto il Vescovo Piero con un Decreto generale. Fino al 3 maggio per la celebrazione delle Messe, degli altri Sacramenti e delle Esequie continuano a valere le indicazioni date nel mese di marzo

Il protrarsi dell’odierna emergenza sanitaria e la richiesta di indicazioni univoche per tutti da parte di diversi fedeli, a cui i parroci debbano comunque adeguarsi, mi hanno persuaso ad aggiornare le disposizioni da me date il 18 marzo 2020, precisate dai Vicari generali il 26 marzo successivo, sulla celebrazione dei Sacramenti. Pertanto, sentiti i responsabili dei settori Evangelizzazione e Sacramenti delle Curie diocesane, con il presente Decreto generale stabilisco quanto segue per le Diocesi di Cuneo e di Fossano:

art. 1 – Fino al 30 settembre 2020 non potranno essere celebrate la Cresime dei ragazzi che concludono il percorso dell’Iniziazione Cristiana e le Prime Partecipazioni dei fanciulli alla Mensa Eucaristica, come pure le Prime Confessioni dei fanciulli.

art. 2 – Fatto salvo che il periodo proprio per le celebrazioni di cui all’art. 1 rimane il tempo di Pasqua, per cui sarà opportuno valutare con le famiglie interessate la possibilità di rimandarle all’anno 2021, una loro diversa programmazione potrà essere fatta a partire dal 1 ottobre 2020, seguendo le indicazioni che gli uffici competenti delle Curie daranno a inizio settembre, anche considerando l’evoluzione dell’emergenza sanitaria. Prima di tali indicazioni nessun parroco è autorizzato a prendere iniziative in merito, né può fissare la data di alcuna celebrazione.

art. 3 – Per quanto riguarda la preparazione del matrimonio canonico, il valore del certificato del battesimo e dell’esame dei nubendi di cui agli artt. 7 e 10 del Decreto generale della Conferenza Episcopale Italiana del 5 novembre 1990, può essere esteso oltre i sei mesi nel caso in cui la celebrazione delle nozze venga rimandata a causa dell’emergenza sanitaria, a discrezione del parroco che ha svolto l’istruttoria matrimoniale, a cui lo stato libero e le intenzioni dei nubendi devono continuare a constare oltre ogni ragionevole dubbio.

Tali disposizioni sono promulgate, in virtù dei cann. 8§2 e 13§1 del Codice di diritto canonico, con la pubblicazione sui siti internet ufficiali delle Diocesi di Cuneo e di Fossano ed entrano in vigore con la Domenica di Pasqua, 12 aprile 2020, nonostante qualsiasi cosa contraria.

Cuneo – Fossano, Giovedì Santo 9 aprile 2020

 

+ Piero Delbosco

Vescovo di Cuneo e di Fossano

 

Fino al 3 maggio 2020 per la celebrazione degli altri Sacramenti e delle Esequie continuano a valere le disposizioni date nel mese di marzo: 10/03/20, 18/03/20-01618/03/20-018, 26/03/20-021

In particolare, come confermato dal Segretario generale della CEI in una Nota ai Vescovi italiani del 15 aprile 2020, l’Eucaristia domenicale può essere celebrata nelle chiese cattedrali e parrocchiali a porte chiuse con la partecipazione di tre o quattro fedeli, in qualità di lettori o accoliti, oltre che con l’eventuale collaborazione di un organista e di un addetto alla trasmissione a distanza, seguendo per la diretta streaming le indicazioni date riguardo ai Riti pasquali.